fbpx

Copenaghen: il mio itinerario di 3 giorni nella meravigliosa capitale danese

C’era una volta un principe che voleva avere per sé una principessa, ma doveva essere una vera principessa. Perciò viaggiò per tutto il mondo per trovarne una, ma ogni volta c’era qualcosa di strano: di principesse ce n’erano molte, ma non poteva mai essere certo che fossero vere principesse; infatti sempre qualcosa andava storto. Così se ne tornò a casa e era veramente molto triste, perché desiderava di cuore trovare una vera principessa.
Io la Danimarca e Copenaghen l’ho sempre immaginata così. Un regno di fiabe e di principesse. Colpa sicuramente dei libri di Andersen che divoravo quando ero bambina e colpa anche di Ariel e del suo “Guardate un po’ quello che ho…”. C’è da dire che Andersen non è mai stato particolarmente un simpatizzante  del lieto fine, ma quei libroni pieni di illustrazioni  a volte cupe, a volte suggestive, e di “c’era una volta” hanno sempre avuto su di me un certo ascendente. Copenaghen era nei miei sogni da un po’ di tempo e non solo per la Sirenetta, che, poverina, è abbastanza bistrattata da chiunque faccia un salto nella capitale danese. Volevo respirare un’aria diversa, di maggior limpidezza mentale e ambientale, e a Copenaghen l’ho trovata. Se devo dare un voto alla mia vacanza, sicuramente è un voto alto. Promossa con la lode. Certo, tre giorni sono sempre pochi, almeno per quanto mi riguarda, per scoprire un luogo. Io ho bisogno di viverlo appieno. Pero, come si dice? Nella vita bisogna accontentarsi. Ed ecco quindi, guida alla mano, quello che è stato la mia esperienza a Copenaghen, il mio itinerario per tre giorni. Perché, l’ho già anticipato nel primo post, Copenaghen è piccola, ma c’è tantissimo da vedere.

1° Giorno: a spasso per Nørrebro e la sua street art

Siamo arrivati un po’ in ritardo rispetto alla tabella di marcia. Fortuna che avevo con me un panino a farmi compagnia per le due e passa ore di viaggio tra Milano e Copenaghen. In caso contrario sarei svenuta. Il primo approccio è stato, come dire, singolare. L’aria era decisamente più fresca rispetto a quella che avevo lasciato a casa e potevo sentire quell’odore di cui parlo sempre quando mi trovo al nord. Ma, ho avuto un gran caldo soffocante, che mi sono dovuta portare dietro sino all’arrivo nel mio hotel, il Kong Arthur. Il tempo di cambiarmi al volo ed ero già alla scoperta di Copenaghen. Nonostante gli occhi assonnati per la sveglia all’alba e i piedi già doloranti per il viaggio.

La prima tappa è stata una lunga passeggiata nel quartiere di Nørrebro, uno dei più avveniristici e suggestivi della città. Un luogo pieno di botteghe artigiane e piccoli capolavori di street art, che facevano capolino un po’ ovunque. E’ stato il verde quasi accecante a colpirmi. Giardini e piante in ogni angolo.

Norrebro - copenaghen - le plume

Casette norrebro - Copenaghen Le Plume

E graffiti, che facevano tanto colore. Splendido quello che si affaccia nel parco urbano di Superkilen, un esempio pazzesco della cultura danese, dove design e multiculturalità si incontrano: all’interno del parco, infatti, che purtroppo io ho trovato in rifacimento, si mescola architettura contemporanea e integrazione. Tutti gli oggetti e le opere presenti richiamano le diverse nazioni del mondo. Come a dire che tutti possono convivere nella diversità. Più danese di cosi!

Norrebro - copenaghen - le plume

Norrebro - copenaghen - le plume

Norrebro - copenaghen - le plume

Nørrebro è conosciuta anche per essere il quartiere del famoso Kierkegaard Assistens, che nient’altro è che un cimitero monumentale. La sua particolarità, però, oltre ad essere un luogo bellissimo e in un certo qual modo rilassante, è che vi riposano alcune di protagonisti della cultura danese. Primo tra tutti quell’Hans Christian Andersen di cui parlavamo prima. E poi anche il filosofo Kierkegaard, che, per una diplomata al liceo classico come me, non può che fare un certo effetto. Unica avvertenza: i danesi non sanno scrivere le indicazioni, quindi armatevi di pazienza e cercate chi vi interessa.

Norrebro - copenaghen - le plume

Kiergaard assistens - copenaghen - Le Plume

Il tempo di tornare in hotel e prendere un maglione al volo, che ormai l’aria si stava rinfrescando, e poi via di nuovo a scoprire, finalmente, la cucina di Copenaghen. Direzione il Meatpacking District, ovvero un enorme polo culturale, pieno zeppo di ristoranti (dall’italiano, all’indiano e anche al danese) e gallerie d’arte, che si trova nell’altrettanto avveniristico quartiere di Vesterbro. Ecco, io mi ero preparata a gustare ogni tipo di piatto e di prelibatezza, ma la serata non si è svolta nel modo in cui mi sarei aspettata (devo assolutamente attenuare questa mia fissa per il cibo local).  Le 20 non sono sicuramente l’orario più indicato se si vuole cenare in Danimarca. Neppure a Copenaghen. E soprattutto non lo è in una zona frequentata per lo più da persone del luogo. Il Meatpacking District, però, merita sicuramente una visita. A patto che sappiate cosa state cercando. La mia esperienza più fortunata l’ho avuta con un ristorante che avrebbe anche voluto prendere le nostre ordinazioni, ma purtroppo aveva a disposizione solo brodi vegetali e, dopo una giornata intera senza praticamente toccare cibo, non era proprio il massimo. Comunque, prima di partire, leggete questo post: l’avrei dovuto fare anche io.

meatpacking district copenaghen - le plume

 

2° Giorno: il porto, Christiania e le residenze reali

Chiudete gli occhi e per un attimo immaginate tutta una serie di case colorate. Di riflessi dorati sul mare e di istanti che sembrano rubati ad una cartolina. Di barche ormeggiate con le loro vele e le reti. E’ così che mi è presentato di fronte il porto di Copenaghen, Nyhavn. Con la sua famosa strada di edifici arcobaleno. Il brulicare delle persone incessante a parte, era cosi che immaginavo Copenaghen. Come il paesaggio ritratto da un pittore allegro. Di notte, poi, i colori e le luci diventano magia.

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Forse è davvero questa la parte in cui si concentrano maggiormente i turisti a Copenaghen, perché poi andando avanti gli spazi si allargano. Fino a trovare il mare. Fino a perdersi in un panorama a metà strada tra il design e i capannoni industriali, che qui sono un po’ ovunque e vivono di una vita propria.

Copenaghen Le Plume

E fino anche ad inciampare in quella che diventa la Copenaghen reale e altezzosa. Elegante e austera. Perché i regnanti di Danimarca avranno anche residenze sparse qua e là per la città, ma mantengono comunque un’apparenza sobria e sincera. Mi sono praticamente scontrata con il loro palazzo ufficiale, l’Amalienborg, e mi sono trovata in mezzo al cambio della guardia. E devo dire che queste guardie danesi sono nettamente più simpatiche di quelle inglesi.

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Il flusso delle persone segue quasi un percorso guidato. Che continua attraverso il  Kastellet, una cittadella fortificata di cui i Danesi vanno tanto fieri, che fu un tempo il quartiere generale dei nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, ma che in realtà colpisce per essere un luogo fuori dal tempo. Con i ponti sui fiumi. Con i mulini a vento. E un parco verdissimo, dove gli occhi si perdono senza trovare la fine. Un paesaggio quasi bucolico, oserei dire.

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Ora, vi sembrerà di aver fatto tantissima strada e macinato chilometri , ma è proprio in questo che non ci si può fermare. Perché a pochi metri c’è lei. La statuina più piccola e ricercata del mondo. Quella che fa sognare. Quella che delude, ma che non si può tralasciare di vedere e toccare: la Sirenetta. Sono stata fermata sul mio cammino da non so quanti turisti che mi facevano la stessa domanda: “Per la Sirenetta?'”. Che poi a guardarla mette davvero un po’ di malinconia addosso. Ma credo sia stato quello l’obbiettivo di Andersen.

Copenaghen Le Plume

Non molto distante dalla Sirenetta, ma dall’altra parte del mare, c’è uno dei luoghi che ho amato di più di tutta Copenaghen. Il Reffenovvero il paradiso per gli amanti del cibo. Qui Sembra che il mondo del food debba vivere di vita propria. i sono i “district ” dedicati, dove si concentrano le meraviglie di tutto il pianeta. Del Reffen sicuramente avrò modo di parlarne più avanti, perché merita davvero qualche parola in più. Per il momento sappiate che dalla Sirenetta potete raggiungerlo prendendo il battello 992.

Copenaghen Le Plume

 

Copenaghen la verde. Copenaghen l’innovativa. Copenaghen la romantica. Certo, ma anche Copenaghen la libera. Christiania è un luogo da non perdere, una comune hippie con regole proprie e un proprio stile di vita. Qui tutto è diverso. Anche i turisti lo sono. O, in qualche modo sono portati ad esserlo. Qui le macchine fotografiche vanno lasciate dentro lo zaino, perché i suoi abitanti non amano essere immortalati nella loro quotidianità. Qualche foto l’ho fatta, ma solo dove mi era permesso. Per il resto credo che ognuno meriti il rispetto che vuole e io mi ci conformo molto volentieri. All’interno troverete musica, un ambiente rilassato e un tuffo nel passato agli anni settanta.

Copenaghen Le Plume

Le plume Copenaghen

Le plume Copenaghen

Christiania, però, si trova in una zona della città, compresa tra il quartiere di quello di Christianshavn e l’isola di Slotsholmen. E’ una zona suggestiva e particolare. E’ la zona delle case galleggianti e dei canali.  Del Diamante Nero, la biblioteca reale, e del suo meraviglioso giardino, dove i fiori fanno da contorno colorato ad un’oasi elegante e rilassante allo stesso tempo. E’ la zona tra un’essenza bohémien, con i portoni color pastello, e un fascino quasi snob, da hipster.  E’ la zona del Noma, il ristorante più famoso al mondo e anche uno tra i più proibitivi. E’la zona dove sorge il Christiansborg, altro palazzo appartenente ai reali, dove ha sede il Parlamento e dove la Regina dà i suoi balli di corte (mi sto immaginando con addosso un abito da principessa, ndr).

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

 

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

 

3° Giorno: Indre by e tanto, tanto design

Il cento della città l’ho lasciato volutamente all’ultimo giorno. Forse per via della vicinanza al mio hotel. Forse perché ero conscia del fatto che mi sarei trovata circondata letteralmente da così tanti negozi, da rischiare di esserne fagocitata. Di solito, quando viaggio, non amo perdermi in attività di shopping, ma Copenaghen rappresenta la capitale del design. E, soprattutto, del design del mio cuore. E il design, qui, si trova ovunque. Non solo all’interno dei negozi. Che chiaramente avranno un capitolo a parte, perché mica vi posso lasciare senza i miei indirizzi del cuore!

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Potrei dirvi di perdervi nelle stradine intricate del centro storico di Copenaghen. Di lasciarvi guidare dall’istinto e abbandonare le guide. E invece no. Qualche consiglio ve lo voglio dare. Anche perché io ci ho provato a seguire questo mio lato romantico e avventuriero, ma alla fine mi sono trovata sempre nel punto di partenza. Quasi fosse un labirinto. Il centro è davvero piccolo, ma è pieno zeppo di cose da vedere.

Il giardino botanico non può mancare all’appello. Io, per ovvi motivi legati alla mia fissazione con le piante, non potevo davvero saltarlo. E’ una meraviglia, che ve lo dico a fare? L’ingresso è gratuito, ma al suo interno ci sono tutta una serie di mostre a pagamento.

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

 

Altro capitolo sulle residenze reali (ve l’ho detto che ne hanno una per ogni ora della giornata!). Ad Indre By trovate il castello di Rosenberg, fiabesco come pochi,  e Kongens Have, i giardini reali. Una pausa per una passeggiata tra i roseti e un parco pieno di giochi (sostenibili e naturali, ovviamente) per i bambini. Che, per inciso, sono una meraviglia per gli occhi, ci tengo a ribadirlo. Da Rosenberg parte una parata nelle vie cittadine, che culmina nel palazzo di Amelienborg, dove si svolge il cambio della guardia (ricordate?). Momento divertentissimo da seguire, perché sembra di essere a Natale, con quella musichino allegra che mancano solo la neve e le mele caramellate.

 

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

 

Se siete fortunati, la parata potreste riuscire a vederla dall’alto della Torre rotonda , che si torva proprio nel centro della città. Qui l’ingresso è a pagamento, ma se non soffrite di vertigini, una visita la merita. Fosse anche solo per le mostre di design che ospita al suo interno. Un consiglio: entrante nel bagno che trovate lungo la salita…delizioso!!!

Copenaghen Le Plume

 

Il centro storico di Copenaghen è davvero un dedalo di stradino e di piazze. Come Strøget, l’area commerciale più lunga d’Europa, dove, se amate lo stile nordico, potete rischiare di perdere la testa. E anche se vi piacciono i marchi luxury (ma quelli li trovate dappertutto, ormai). O come la piazza del Municipio, in stile rinascimentale, che a me ha ricordato un po’ Bologna e Piazza Maggiore (non me ne vogliano i bolognesi). Io sono stata a Copenaghen nel periodo di Ferragosto e la piazza era lo scenario del Pride. Quindi immaginatevi tante bandiere arcobaleno (la Wella colorava i capelli gratuitamente a chiunque volesse una testa ispirata agli unicorno…chiaramente questo succedeva il giorno dopo la mia partenza) e musica. Tanta musica. Io sono riuscita ad assistere al concerto di una cantante molto conosciuta in Danimarca, di cui però non ricordo il nome. 

Copenaghen Le Plume

Copenaghen Le Plume

 

Ora ve lo voglio svelare. Il motivo vero per cui sono voluta venire a Copenaghen è uno solo e si chiama Tivoli. Quando si tratta di parchi di divertimento io divento una bimba piccola e devo dire che questo è molto più vivibile dei nostri Gardaland o Mirabilandia. Quindi potete farci una passeggiata anche con chi non ama questo tipo di cose. Io, come è ovvio, in un’attrazione sono salita e lì, mentre volteggiava in aria da sola, pensavo “Oddio adesso non torno giù viva!” Andateci la sera, dopo il tramonto: merita di più.

Copenaghen Le Plume

 

Mi sono appena resa conto di aver scritto un post davvero lungo, ma, come vi ho anticipato, Copenaghen è una città che racchiude in una misura a grandezza d’uomo così tanta bellezza, da non riuscire a riassumerla in poche righe.

Voi ci siete già stati? State progettando un viaggetto da quelle parti? Sono pronta a leggervi nei commenti.

 

Post in collaborazione con Hotel Kong Arthur

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE

Le Plume utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

Privacy 196/2003 Informativa sulla Privacy: Oggetto: Informativa sul trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs 196/2003, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, e richiesta del Suo consenso al trattamento di taluni dati. 1. Il Dlgs 196/2003 ha introdotto il codice in materia di protezione dei dati personali. In ottemperanza a quanto previsto da tale codice, il trattamento dei dati personali da parte della nostra organizzazione è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dei soggetti cui i dati si riferiscono. 2. In tale ambito, Le forniamo l'informativa prevista dall'articolo 13 Dlgs 196/2003 e Le chiediamo di esprimere il suo consenso per il trattamento dei dati personali in seguito specificati per le seguenti finalità: a. gestire la sua richiesta di informazioni e/o prenotazione al fine di fornirle le indicazioni a riguardo 3. Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di fornirLe i servizi richiesti. 4. Nel caso in cui abbia espresso il consenso e fino alla revoca dello stesso, i Suoi dati personali forniti saranno altresè trattati per le seguenti ulteriori finalità: a. elaborare studi e ricerche statistiche e di mercato; b. inviare tramite posta, posta elettronica e/o canali telefonici, materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali; c. compiere attività dirette ed indirette di vendita e di collocamento; d. effettuare comunicazioni commerciali interattive; e. effettuare rilevazioni del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi forniti (anche attraverso soggetti terzi). Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il responsabile indicato al punto 10. Il consenso per i trattamenti e le finalità di cui al presente punto 4 non è obbligatorio; a seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno trattati per le sole finalità indicate al precedente punto 2. 5. In qualità di clienti o potenziali clienti, i dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune, poichè consistono essenzialmente in elementi di identificazione personale. Nel caso in cui Lei dovesse indicare nei campi che non prevedono una specifica indicazione dati che, ai sensi dell'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003, sono di natura sensibile ed in quanto tali meritevoli di tutele particolari, La informiamo che tali dati saranno da noi trattati nei limiti previsti dal codice della Privacy. Ricordiamo che in generale, l'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003 definisce come "dati sensibili" i dati personali "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale". 6. Il trattamento di dati raccolti sarà effettuato mediante strumenti cartacei e/o elettronici e comunque in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 7. Precisiamo che la nostra organizzazione pone in atto le necessarie misure di carattere organizzativo, fisico e logico, atte a garantire la sicurezza dei dati, con particolare riferimento a quanto previsto dall'allegato B del Dpr 196/2003 Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. 8. Oltre che dai dipendenti della Società, alcuni trattamenti dei Suoi dati personali potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all'estero, ai quali la nostra organizzazione affida talune attività (o parte di esse) funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. In tal caso gli stessi soggetti opereranno in qualità di Titolari autonomi o saranno designati come Responsabili o Incaricati del trattamento. I Responsabili e gli Incaricati eventualmente designati riceveranno adeguate istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati. I soggetti terzi sopra citati sono essenzialmente ricompresi nelle seguenti categorie: Società di recupero credito, Società che elaborano dati di traffico per la fatturazione, Società incaricate per la stampa e la spedizione delle fatture ai clienti, Società di Consulenza, Società cessionarie dei crediti, Agenti e Procacciatori, Franchisee, Fornitori di servizi tecnologici, Content Provider. 9. Riportiamo di seguito l'estratto dell'articolo 7 Dlgs 196/2003, per ricordarLe che puó esercitare nei nostri confronti i seguenti diritti: a. ottenere la conferma dell'esistenza di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile b. ottenere l'indicazione dell'origine dei dati personali, nonchè delle finalità e delle modalità del trattamento c. ottenere l'indicazione della logica applicata nei trattamenti effettuati con l'ausilio di strumenti elettronici d. ottenere l'indicazione degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili e. ottenere l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati f. ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati g. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge h. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati di cui non è necessaria la conservazione, in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati i. ottenere l'attestazione che l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco sono stati portati a conoscenza, anche per quanto riguarda il contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, tranne che nei casi in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato j. opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta k. opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 10. Per esercitare tali diritti puó rivolgersi al titolare del trattamento. Il responsabile del trattamento medesimo è il Sig. Le Plume domiciliato presso Via Foscolo, 58 09128 Cagliari (CA). Cookie Cos’è un cookie? Un cookie è un piccolo frammento di dati che un sito web deposita nel browser del tuo computer o del tuo dispositivo mobile. Perché si utilizzano i cookie? Le pagine web non hanno memoria. Se navighi da una pagina all'altra all'interno di un sito web, non sarai riconosciuto come lo stesso utente in ciascuna delle pagine. I cookie ti consentono di essere riconosciuto dal sito web come utente unico. I cookie permettono anche di memorizzare le tue scelte, per esempio la lingua che preferisci, la valuta che hai impostato e i criteri di ricerca. I cookie ti consentono anche di essere riconosciuto alla tua visita successiva. I cookie sono tutti uguali? No, esistono vari tipi di cookie e diversi modi di utilizzarli. I cookie si distinguono in base alla funzione svolta, alla loro durata e a chi li ha inseriti in un sito web. Come vengono utilizzati i cookie? Il nostro sito utilizza i seguenti tipi di cookie: • Cookie tecnici: Vogliamo offrire ai nostri visitatori un sito all’avanguardia e di facile utilizzo. Per fare in modo che questo accada, utilizziamo i cookie tecnici per consentirti di visualizzare il nostro sito web e di farlo funzionare correttamente. I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sito. • Cookie funzionali: Utilizziamo i cookie funzionali per ricordare le tue preferenze e per aiutarti a usare il nostro sito web in modo efficace ed efficiente, per esempio memorizzando le pagine e le eventuali offerte che hai visualizzato in precedenza. I cookie funzionali non sono indispensabili per il funzionamento del sito web, ma aggiungono funzionalità e migliorano la tua esperienza complessiva, permettendoti ad esempio di usufruire delle migliori offerte. • Cookie analitici: Utilizziamo i cookie analitici per capire meglio come i nostri visitatori usano il sito web, per capire cosa funziona o cosa no, per ottimizzare e migliorare il sito e per assicurarci che il sito sia sempre interessante e rilevante. I dati che ricaviamo includono le pagine web visitate, le pagine di uscita e di ingresso, il tipo di piattaforma, informazioni su data e ora e dati come il numero di click su una determinata pagina, le parole cercate e i testi inseriti durante l'utilizzo del sito. Anche i nostri partner commerciali potrebbero utilizzare cookie analitici per sapere se i loro utenti fanno uso delle offerte integrate nei loro siti. Per quanto tempo restano attivi i cookie? I cookie impostati direttamente dal nostro sito hanno una durata di 3 settimane. In qualsiasi momento puoi cancellare tutti i cookie dal browser. Per rimuovere i cookie dal tuo browser, segui le istruzioni riportate a questo indirizzo https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it Come puoi riconoscere i nostri cookie ? Puoi trovare i nostri cookie tra le impostazioni del tuo browser. Sono inclusi i cookie analitici e di marketing di terze parti? Sì, il nostro sito incorpora diversi cookie di terze parti rilasciati da widget che sono inclusi nel sito. Questi cookie vengono utilizzati a fini statistici e permettono una migliore esperienza ed integrazione con questi servizi terzi (Google Analytics, TripAdvisor, i principali social networks, etc…). In particolare, per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina del Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics. Come puoi modificare le preferenze relative ai cookie? Dalle impostazioni del tuo browser (per esempio Internet Explorer, Safari, Firefox o Chrome) potrai stabilire quali sono i cookie che desideri ricevere e quali no. Per sapere dove puoi trovare queste impostazioni, che possono variare a seconda del browser utilizzato, usa la funzione “Help” o Aiuto” del tuo browser. Se decidi di non accettare determinati cookie, potresti non essere in grado di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito. In ogni caso, la funzione “Do Not Track” offerta da alcuni browser (denominata “Non tenere traccia”, “Non effettuare alcun tracciamento” o altro a seconda del tipo di browser) potrebbe non funzionare sul nostro sito.

Close