Praga. Tra i castelli delle fiabe e il fascino bohémien della Moldava

agosto 23, 2017

Vista fiume Moldava Ponte Carlo - Praga -Le Plume

“E tuttavia Kafka era Praga e Praga era Kafka. Mai era stata così compiutamente e tipicamente Praga, e mai più lo sarebbe stata come durante la vita di Kafka. In ogni sua riga noi potevamo e possiamo ancora assaporarla.”

Per anni l’ho snobbato l’Est del Mondo. Qualsiasi Paese. Qualsiasi Nazione. Qualsiasi terra o lingua. Non che avessi pregiudizi o chissà quale tipo di avversione. Semplicemente l’Est del Mondo non mi interessava e non suscitava in me nessuna forma di emozione o curiosità. Sui Paesi Nordici ho già detto di tutto. Sul mio amore folle per tutti i  luoghi dove le temperature scendono sotto lo zero e le estati emanano profumo di aria fresca e torte di mele appena sformate in quel caffè del centro. Per il Sud stessa storia: mare e pomeriggi assolati alla ricerca dell’ombra.

Un viaggio però è sempre un viaggio e porta con sé frammenti di felicità e pezzetti di ricordi da trascrivere e ripercorrere con la mente. Quindi, quando mi è stata proposta come meta delle vacanze estive la bellissima Praga, non potevo che esserne felice. Nonostante si trovi in quella parte della cartina geografica che ho sempre guardato con occhi frettolosi.

Tre notti e due giorni e mezzo in una Praga affollata di turisti e mai addormentata. Sarò sincera: forse sono partita con troppe aspettative. Tutti mi dicevano che sarebbe diventata la città del mio cuore. Che mi avrebbe rapito l’anima. Così non è stato. Sarà che non mi piacciono le città con troppa calca (certo che scegliendo Ferragosto come periodo non potevo aspettarmi una situazione tanta diversa). Sarà anche che due giorni sono troppo pochi per farti amare davvero un luogo. Perdi la sua vera essenza e io, per rimanere incantata, ho bisogno di vivere ogni pezzo di strada e ogni angolo di cielo. Ad ogni modo, Praga è un posto che lascia con il fiato sospeso. Il posto che ti immagini quando chiudi gli occhi da bambina e ti ritrovi immersa in un mondo di principesse chiuse nel castello. E, di dragoni e di principi azzurri che corrono per salvarle. E’ il posto dove vorrei tornare un giorno per Natale, per sentire il naso congelato e girare tra i mercatini e le foglie di vischio. E’ una città che ha il fiume. E io le città con il fiume le adoro.

Molo Moldava - Praga -Le Plume

 

La città vecchia (Stare Mesto)

Praga è chiamata anche la Parigi dell’Est per i suoi angoli romantici, i caffè che traspirano pomeriggi di chiacchiere tra i letterati di un tempo e i ponti altezzosi gremiti di artisti e turisti. Ed è vero. Quell’aria tra il decadente, l’arte quasi trasandata e i monumenti di un’architettura bella da impazzire ricordano l’atmosfera di Parigi e delle sue strade illuminate. Ed è ancora più vero quando si comincia l’esplorazione della città dal suo nucleo più storico, la Città Vecchia, che in ceco si chiama Stare Mesto, uno dei pochi nomi facili da leggere e da pronunciare.

La mia Praga ha avuto inizio qui. Tra le stradine strette, che si allargano sulle piazze e si trasformano in portici e gallerie interne ai palazzi. Tra gli edifici coloratissimi che raccolgono la luce del sole e la riflettono sul cielo azzurrissimo, che mi accolto durante il mio viaggio. Ogni angolo è un brulicare di caffè e di ristoranti tipici, insieme ad una moltitudine di passanti che passeggia con fotocamera o birra alla mano. Questo quartiere di Praga è il più antico di tutti e dieci i distretti in cui la città è divisa e racchiude molti tra i principali punti di attrazione, come ad esempio il famoso Orologio Astronomico.

 

L’Orologio Astronomico fu costruito nel 1410 e riporta, oltre all’ora, anche la posizione del Sole e della Luna con le costellazioni dei 12 simboli dello Zodiaco. Ad ogni ora, se vi trovate a passare nella Piazza della Città Vecchia, dove si trova il famoso orologio, vedrete centinaia di persone con gli occhi all’insù in attesa di assistere allo spettacolo degli apostoli che escono da due fessure poste sopra l’orologio e di un simpatico scheletro che tira una corda per far suonare le campane ad ogni rintocco. La prima volta che mi sono fermata ad accodarmi alla schiera di turisti incuriositi era mezzanotte: gli apostoli hanno deciso di rimanere rintanati e io, insieme a tutti gli altri, sono rimasta parecchio delusa. Tornateci durante il giorno per essere sicuri di non perdervi questa bizzarra abitudine praghese. In ogni bancarella e in ogni negozio di souvenir, ma anche sulle facciate di tantissimi palazzi, troverete riproduzioni o versioni diverse di questo gioiello della meccanica. Credo che gli abitanti di Praga ne vadano davvero orgogliosi e fieri.

Perdersi tra le viuzze acciottolate della Città Vecchia è una di quelle cose che ho adorato di più del mio viaggio a Praga. A prescindere dai monumenti famosi, come le chiese o la Cappella di Betlemme, dove ho deciso volutamente di non entrare (due giorni sono troppo pochi per visitare tutto), Stare Mesto è una scoperta continua di angoli nascosti, dettagli da ammirare e personaggi strani e buffi da immortalare. Musicisti di strada, manifestanti che scendono in piazza per le loro battaglie, palazzi con le facciate disegnate e variopinte: Stare Mesto è un crogiolo di colori e caffè all’aperto. E pare non dormire mai, visto che è qui che si concentra la vita notturna più vivace di abitanti e turisti.

Piazza vicino Hotel _ Stare Mesto - Praga -Le Plume piazza dell'orologio - Praga Le Plume Piazza dell'orologio - Praga - Le Plume Palazzi Stare Mesto - Praga -Le Plume Mercatino - Praga - Le Plume Monumento Kafka - Praga -Le PlumeSuonatori tipici - Praga - Le Plume

 

La città nuova (Nové Mesto)

Si chiama Città Nuova, ma in realtà questo quartiere è stato progettato poco prima del 1400. E’ qui che si abbandonano le stradine strette e medioevali e si lascia spazio alle vie più organizzate e ampie, insieme ai grandi spazi che ospitano piazza famose per la storia. Come Piazza Venceslao, che è stata la scenografia per i diversi momenti, che nel corso degli anni, hanno contribuito a costruire la Repubblica Ceca. Qui infatti, ad esempio, morì lo studente Jan Palach durante la Primavera di Praga e, sempre qui, fu creata la Cecoslovacchia. Oggi Piazza Venceslao è un grande punto di ritrovo, tra gli edifici in stile Liberty o cubisti che adornano le strade, un vecchio tram trasformato in caffè e i chioschi che vendono le leccornie locali.

Trenino Piazza Venceslao - Praga -Le Plume Bar in piazza Venceslao - Praga - Le Plume

 

La città nuova è anche sede di una delle attrazioni più particolari di Praga, la Casa Danzante, un palazzo così chiamato perché ricorda vagamente i movimenti di Fred e Ginger, uniti in un passo di danza. E’ possibile anche visitarla e salire all’ultimo piano dell’edificio: pare che la sensazione di trovarsi all’interno di un ambiente così particolare dal punto di vista architettonico lasci particolari sensazioni addosso.

Casa Danzante - Praga -Le Plume

Quel che mi è piaciuto maggiormente di questo quartiere è stato comunque il lungo fiume. La Moldava mi ha affascinato, in qualsiasi suo argine e lato. Il tragitto per arrivare alla Casa Danzante è un susseguirsi di musica e di persone che prendono il sole pigramente sul molo. Non lasciarsi andare a questa atmosfera è quasi impossibile. Birra in una mano e occhiali inforcati sul viso, che fissano annoiati le imbarcazioni e i pedalò per i turisti: trascorrere qui qualche ora ti fa dimenticare la fretta e ti fa sentire parte di una città che ama vivere e godersi la vita.

Caffe e musicista lungo Moldava - Praga -Le Plume Vista fiume - Nove Mesto - Praga -Le PlumePraga -Le PlumeBarca Ristorante - Nove MEsto - Praga -Le Plume Caffe sul fiume - Praga -Le PlumeLa Città Nuova è anche un vivace centro commerciale, pieno zeppo di negozi e di bancarelle curiose e particolare. Come quella che vende mattoni dipinti a mano, che inneggiano alla pace tra i popoli. O come Hamleys, il negozio di giocattoli dove sono tornata bambina per circa una mezz’ora di giochi e spensieratezza, come se avessi davvero di nuovo dieci anni. Se viaggiate con nani al seguito, non potete non farci un salto. E se siete da soli, passateci lo stesso: non ve ne pentirete.

Mattonelle della Pace - Praga -Le PlumeGiostra - Praga -Le Plume

Io avrei voluto utilizzare questo tubo per muovermi da un piano all’altro, ma mi è stato impedito dal mio accompagnatore, giustamente preoccupato che potessi rimanere incastrata tra il primo e il secondo piano.

Tubo scivolo - Praga -Le Plume Negozio di giocattoli Orso - Praga -Le Plume

Il Castello e Mala Strana

Romantico e suggestivo, il quartiere di Mala Strana, che in ceco vuol dire Città Piccola, è uno dei più affascinanti di tutta Praga. Si racconta che Kafka amasse trascorrere tra le sue strade e gli edifici barocchi le sue notti, prima di rinchiudersi in casa a scrivere. Sarà che in pochi metri quadri, questa zona di Praga racchiude tutta la magia e la bellezza che in grado di regalare. E, non ho dubbi, questo è il quartiere che ho amato di più. L’infinita dei parchi e delle aree verdi, dove sdraiarsi per una pausa e che sembrano rubati ad un dipinto di Manet. Il lungo fiume e Ponte Carlo, con i suoi tramonti mozzafiato e gli artisti che disegnano sul suo ciottolato. La strada dei palazzi delle ambasciate, con la loro anima nobile e quasi spocchiosa. Gli edifici che riportano i simboli del lavoro di chi ci ha abitato nelle epoche passate. La grande piazza di Malostranske, con le persone in fila che aspettano i vecchi tram. I mulini sui canali e i lucchetti chiuse alle inferriate, che suggellano anche qui le coppie innamorate. Mala Strana merita di essere vissuta, scoperta e assaporata in ogni ora della giornata. Senza fretta. Senza correre. Merita attenzione e sguardi rapiti dagli angoli più sconosciuti. Dai graffiti disegnati sui muri delle case. Dalle facciate cha nascondono giardini segreti. Dai ristoranti che mantengono ancora un’ambientazione antica e tradizionale. Dalle strade di ciottoli, dove, se chiudete gli occhi, si sentono ancora gli zoccoli dei cavalli che trascinano le carrozze.

Vista fiume Moldava Ponte Carlo - Praga -Le Plume Ponte Carlo di notte - Praga -Le Plume Vista dal Ponte Carlo - Praga -Le Plume Piazza quartiere Mala Strana - ambasciate - Praga -Le Plume Molo barchette - Praga -Le Plume Facciata ristorante - Mala Strana - Praga -Le Plume Facciata caffe Mala strana - Praga -Le Plume

Ristorante Mala Strana - Praga -Le Plume

Alla fine di Ponte Carlo, sulla sinistra, si trova un gioiello che vale la visita a Praga: l‘Isola di Kampa. Questo pittoresco lembo di terra artificiale fu realizzato grazie al canale di Čertovka, il cui nome significa “Fiume del Diavolo” e che la leggenda narra sia legato ad una lavandaia dalle maniere poco affabili che in quel canale lavava i panni. Perché Kampa era nata come la zona dei mulini, che serviva alle donne per poter lavare indumenti e vestiti. Oggi è un dedalo di stradine romantiche e di prati verdi, da godere attimo per attimo. Durante il giro, mi sono imbattuta in quelli che per me erano paciocchni giganti, che in realtà fanno parte dell’opera sparsa per tuta Praga di David Cerny.

L’Isola di Kampa è anche simbolo dell’opposizione dei giovani praghesi contro il regime comunista. Qui, infatti, si trova il famoso muro di John Lennon, una parete dedicata alle frasi rubate ai testi delle sue canzoni e che rappresentano la ribellione e la voglia di un mondo migliore. Anche oggi. Una sorta di Muro di Berlino di una città che ha sofferto e che ancora oggi è legata alla sua storia e ai suoi trascorsi. E a Kampa che si ritrovano i musicisti, gli artisti, gli hippy e la comunità gay. E a Kampa che si respira l’aria migliore di tutta Praga.

Vista Moldava -Praga -Le Plume Kampa di notte - Praga -Le Plume John Lennon Wall - Praga -Le Plume Artisti - John Lennon Wall - Praga -Le Plume Mulino Kampa - Praga -Le Plume

Sopra il quartiere di Mala Strana si trova uno dei punti per cui Praga è conosciuta: il suo Castello, le cui guglie vedrete svettare ogni volta che ammirate un panorama al di là della Moldava. Ci sono tantissimi modi per arrivare fin dentro l’aerea del Castello. Io ho utilizzato la vecchia Scalinata del Castello (Staré zámecké scodi) che ha inizio vicino alla stazione della metropolitana di Malostranská. Da lassù ho potuto ammirare una delle viste sui tetti di Praga più bella in assoluto. Attraverso questa scalinata verrete condotti nei giardini Reali. Se volete visitare subito il piazzale davanti all’affollatissima Cattedrale di San Vito, girate appena finite le scale sulla destra. Devo essere sincera, ad oggi non ho ancora capito dove fosse sistemata la biglietteria. Mi sono trovata in mezzo ad una moltitudine di persone che andavano di qua e di là senza riuscire ad orientarmi davvero (per maggiori informazioni visitate il sito dedicato ai tour) All’interno del Castello vi è anche il famoso Vicolo D’Oro, una stretta stradina un tempo sede delle botteghe degli alchimisti di Praga. Mi è dispiaciuto non riuscire a visitarlo (ci voleva il biglietto), ma, andando a leggere un po’ di informazioni online, mi sono resa conto che in realtà è una cosa prettamente ad uso e consumo dei turisti.

vista dal Castello -Praga -Le PlumeCattedrale Castello - Praga -Le PlumeRimanendo in tema di cose da turisti, all’interno del Castello sono riuscita a scovare un negozietto dedicato interamente al Natale: potevo non entrarci e godermi l’atmosfera per qualche minuto?!

Albero di Natale - Praga -Le Plume

Quartiere Ebraico (Josefov)

Praga e le sue tradizioni. Praga e la sua atmosfera da fiaba. Praga e la sua storia. Tra le sue strade e i suoi palazzi, Praga custodisce il quartiere ebraico più antico di Europa. Qui il quartiere esisteva da molto tempo prima che venisse coniato il termine ghetto e, come per tutte le altre città d’Europa, negli anni della Seconda Guerra Mondiale, vide le restrizioni a carico degli abitanti e le deportazioni nel vicino campo di concentramento di Terezin. Oggi il Quartiere Ebraico ospita un cimitero antico (Starý židovský hřbitov, nel caso lo cercaste), fatto di semplici lapidi di pietra messe l’una sopra l’altra e alcune sinagoghe, di cui una ancora funzionante, e di diverse aree dedite a museo dell’ebraismo e della Shoah. Per entrare all’interno della zona dovrete munirvi di biglietto. Ci sono due opzioni, la prima comprende anche la visita alla Sinagoga Vecchia – Nuova (quella ancora in funzione), la seconda la esclude, ma vi permetterà di visitare tutte le altre zona, compresa la meravigliosa Sinagoga Spagnola, in stile arabo, e quella di Pinkas, che raccoglie i disegni dei bambini di Terezin. Attenzione: la biglietteria non accetta bancomat o carte e dovrete pagare in contanti.

Per info:
Museo Ebraico

 

Museo Ebraico - Praga -Le Plume Muro olocasto Ebraico - Praga -Le Plume

Sinagoga Spagnola

 

Gulasch, strudel di mele e altre delizie: mangiare a Praga

Dopo aver trascorso tre giorni a Praga, tra pranzi e cene, ho giurato a me stessa che al ritorno sarei diventata vegetariana. Certo, nei ristoranti tradizionali si possono trovare anche pietanze a base di pesce, ma io, da brava sarda altezzosa, ho pensato fosse bene rifugiarmi nella carne. Stufati, salsicce, würstel e arrosti: c’è solo l’imbarazzo della scelta quando si apre il menù. E, siccome prima di partire mi ero ben documentata sulle ricette tipiche (ormai conoscete la mia passione per la cucina anche quando viaggio), ho cercato di provare di tutto. Sopratutto perché i piatti erano scritti sia in ceco e in inglese, ma, a dir la verità, non capivo quali fossero i piatti che mi ero segnata nella lista a casa.

La maggior parte delle pietanze vi verranno servite accompagnate da gnocchi di pane, simili nel gusto ai nostri canederli, e immersi in sughi e salse, abbondantemente conditi con spezie, aglio e cipolla (a Praga adorano la cipolla cruda). Non spaventatevi per le porzioni immense, ma siate furbi: ordinate un piatto e condividetelo con i compagni di viaggio.

Le spezie sono molto amate dagli abitanti di Praga e le mettono un po’ ovunque, anche nel pane. Così come il rafano, che farà da accompagnamento ad ogni piatto. Io ho provato a mangialo, ma il mio corpo si è rifiutato. Era già abbastanza provato dalla quantità di cibo e da quel loro sapore così particolare. E dalla birra, naturalmente. Perché a Praga è impossibile mangiare senza bere una birra, chiara o scura. Qui le trovate da 0,30 o da 0,50: se di solito ordinate una 0,20 come me, fate uno sforzo e abituatevi alla situazione (e alla pancia gonfia). La birra costa meno dell’acqua e, in generale, un pranzo o una cena vi costeranno molto meno che in Italia (circa 10 – 15 euro per un pasto completo). Paradossalmente, in proporzione, pagherete di più quando vi farete tentare dalle bancarelle che offrono porzioni (sempre super abbondanti) di Prosciutto di Praga, da mangiare rigorosamente in piedi e con fette di pane nero all’anice. O quando deciderete di provare i famosi Trdelink, dolci che per la forma ricordano i nostri cannoncini alla crema, cotti nella carbonella ad ogni angolo di strada. Vengono riempiti con nutella, gelato o strudel e sono, anche in questo caso, straordinariamente grandi per poter essere gustati da soli.

Stinco - Praga -Le Plume Salsiccia - Praga - Le Plume Prosciutto di Praga -Praga - Le Plume Gulash - Praga Le Plume Vepřoknedlozelo - Kotleta - Praga - Le Plume Birra - Kotleta - Praga - Le Plume

 

Le spezie sono molto amate dagli abitanti di Praga e le mettono un po’ ovunque, anche nel pane. Così come il rafano, che farà da accompagnamento ad ogni piatto. Io ho provato a mangialo, ma il mio corpo si è rifiutato. Era già abbastanza provato dalla quantità di cibo e da quel loro sapore così particolare. E dalla birra, naturalmente. Perché a Praga è impossibile mangiare senza bere una birra, chiara o scura. Qui le trovate da 0,30 o da 0,50: se di solito ordinate una 0,20 come me, fate uno sforzo e abituatevi alla situazione (e alla pancia gonfia). La birra costa meno dell’acqua e, in generale, un pranzo o una cena vi costeranno molto meno che in Italia (circa 10 – 15 euro per un pasto completo). Paradossalmente, in proporzione, pagherete di più quando vi farete tentare dalle bancarelle che offrono porzioni (sempre super abbondanti) di Prosciutto di Praga, da mangiare rigorosamente in piedi e con fette di pane nero all’anice. O quando deciderete di provare i famosi Trdelink, dolci che per la forma ricordano i nostri cannoncini alla crema, cotti nella carbonella ad ogni angolo di strada. Vengono riempiti con nutella, gelato o strudel e sono, anche in questo caso, straordinariamente grandi per poter essere gustati da soli.

Trdenlik - Praga -Le Plume Trdelník - Praga - Le PlumeTutto sommato, devo dire che sono riuscita a mangiare bene in ogni posto dove mi sono fermata per rifocillarmi. Forse sarà stato anche per il fatto che, non conoscendo la tradizione gastronomica ceca, non potevo essere in grado di distinguere un piatto buono da uno meno buono. Vi lascio qui comunque alcuni indirizzi di trattorie e ristorantini dove ho mangiato e se, qualcuno di voi li ha provati o ha intenzione di provarli, scrivetemi un commento. Giusto per capire se ho toppato o no.

 

Kotleta – Restaurant + Bar
U radnice 2 – Staroměstské náměstí – Praga 1

Questo posticino mi è stato consigliato da un’amica prima di partire ed è stata la prima tappa, appena scesi dall’aereo. A Praga ci sono due ristoranti della stessa “catena”, chiamiamola così. Questo si trova appena dietro la Piazza dell’Orologio, in pieno centro. L’interno è enorme e c’è un bellissimo giardino ricco di vegetazione dove potersi sedere a mangiare. Appena entrati verrete inondati dai sapori e i profumi della griglia a vista. Provate ad ordinare anche piatti non tipicamente cechi e non ve ne pentirete. Io ho preso una sorta di mozzarella impanata e fritta, accompagnata da noci, fichi e fragole: la sto ancora sognando. Kotleta è un po’ più caro della media (in due abbiamo speso circa 32 euro), ma rimane una garanzia (siamo tornati due volte).

Kotleta - Praga - Le Plume

tr

Restaurace U Zeleného stromi 
U radnice 2 – Staroměstské náměstí – Praga 1

Più che di un ristorantino, si tratta di un luogo enorme, tra taverna, sale interne e giardini. La cucina è quella tipica ceca e se non parlate inglese, state tranquilli, c’è un simpatico cameriere che parla anche l’italiano. I prezzi sono bassi e la birra costa anche meno della maggior parte dei luoghi dove siamo stati.

Restaurace U Zeleného stromi - Praga - le Plume

 

Sherwood restaurant

Opletalova 19 – Praga 1

Siamo capitati in questo posto per caso. In realtà la nostra scelta era orientata verso il Ristorante Ferdinanda, che a quanto pare è sempre pieno (se potete, prenotate) e ci siamo fatti indicare un altro posto dove poterci nutrire. Sherwood è stato un consiglio vincente. Ottima carne, ottima anatra e ottimi hamburger. Da provare.

 

Questi sono i tre posticini che mi sento di consigliarvi. Ma, in ogni caso, camminate e perdetevi per le stradine del centro di Praga. Entrate nei luoghi che più vi ispirano e anche in quelli che non vi ispirano per niente, perché potrebbero rivelarsi delle belle sorprese. E non dimenticate di fare una pausa in uno dei tantissimi caffè, di cui la città va fiera. Come il Caffè Louvre, dove amavano passare i pomeriggi personaggi come Kafka o Einstein.

 

Cose che avrei voluto sapere prima di partire:

  • Il bancomat, questo sconosciuto! A Praga verrete guardati sempre con gli occhi un po’ storti quando affermerete di voler pagare il conto con la carta di credito o il bancomat. E ci sono luoghi, come i bacetti sulle rive del fiume o i pub del centro, dove accetteranno solo i contanti. Munitevi di cash appena sbarcati dall’aereo.
  • Nei ristoranti e nei bar la mancia non è compresa nel conto finale e, tantomeno, può considerarsi opzionale. Ogni volta che vi ritroverete a pagare, i camerieri vi spiegheranno che dovrete aggiungere il costo del servizio. Se riuscite a pagare con il bancomat, vi chiederanno di pagare il servizio a parte in contanti o vi inviteranno a digitare nella macchinetta del POS la cifra che volete lasciare come mancia. Di solito è un 10% sul totale del conto.
  • Quasi tutti i locali hanno all’interno enormi giardini. Non lasciatevi ingannare dall’ingresso e correte a scoprire il mondo che nascondono.

Un’ultima informazione:

Prenotate il transfer prima di partire. Nel sito web di Prague Airport Transfer potrete usufruire di uno shuttle condiviso a soli 11 euro circa per l’andata e il ritorno. Convenite e comodo.

Mi rendo conto che questo post è immensamente lungo. I prossimi viaggi (e qualcuno in programma c’è già) saranno divisi in puntate. Perdonate questo su Praga, ma avevo davvero voglia di raccontarvi tutto.

 

 

SalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

By Giulia

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE

Le Plume utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

Privacy 196/2003 Informativa sulla Privacy: Oggetto: Informativa sul trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs 196/2003, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, e richiesta del Suo consenso al trattamento di taluni dati. 1. Il Dlgs 196/2003 ha introdotto il codice in materia di protezione dei dati personali. In ottemperanza a quanto previsto da tale codice, il trattamento dei dati personali da parte della nostra organizzazione è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dei soggetti cui i dati si riferiscono. 2. In tale ambito, Le forniamo l'informativa prevista dall'articolo 13 Dlgs 196/2003 e Le chiediamo di esprimere il suo consenso per il trattamento dei dati personali in seguito specificati per le seguenti finalità: a. gestire la sua richiesta di informazioni e/o prenotazione al fine di fornirle le indicazioni a riguardo 3. Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di fornirLe i servizi richiesti. 4. Nel caso in cui abbia espresso il consenso e fino alla revoca dello stesso, i Suoi dati personali forniti saranno altresè trattati per le seguenti ulteriori finalità: a. elaborare studi e ricerche statistiche e di mercato; b. inviare tramite posta, posta elettronica e/o canali telefonici, materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali; c. compiere attività dirette ed indirette di vendita e di collocamento; d. effettuare comunicazioni commerciali interattive; e. effettuare rilevazioni del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi forniti (anche attraverso soggetti terzi). Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il responsabile indicato al punto 10. Il consenso per i trattamenti e le finalità di cui al presente punto 4 non è obbligatorio; a seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno trattati per le sole finalità indicate al precedente punto 2. 5. In qualità di clienti o potenziali clienti, i dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune, poichè consistono essenzialmente in elementi di identificazione personale. Nel caso in cui Lei dovesse indicare nei campi che non prevedono una specifica indicazione dati che, ai sensi dell'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003, sono di natura sensibile ed in quanto tali meritevoli di tutele particolari, La informiamo che tali dati saranno da noi trattati nei limiti previsti dal codice della Privacy. Ricordiamo che in generale, l'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003 definisce come "dati sensibili" i dati personali "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale". 6. Il trattamento di dati raccolti sarà effettuato mediante strumenti cartacei e/o elettronici e comunque in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 7. Precisiamo che la nostra organizzazione pone in atto le necessarie misure di carattere organizzativo, fisico e logico, atte a garantire la sicurezza dei dati, con particolare riferimento a quanto previsto dall'allegato B del Dpr 196/2003 Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. 8. Oltre che dai dipendenti della Società, alcuni trattamenti dei Suoi dati personali potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all'estero, ai quali la nostra organizzazione affida talune attività (o parte di esse) funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. In tal caso gli stessi soggetti opereranno in qualità di Titolari autonomi o saranno designati come Responsabili o Incaricati del trattamento. I Responsabili e gli Incaricati eventualmente designati riceveranno adeguate istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati. I soggetti terzi sopra citati sono essenzialmente ricompresi nelle seguenti categorie: Società di recupero credito, Società che elaborano dati di traffico per la fatturazione, Società incaricate per la stampa e la spedizione delle fatture ai clienti, Società di Consulenza, Società cessionarie dei crediti, Agenti e Procacciatori, Franchisee, Fornitori di servizi tecnologici, Content Provider. 9. Riportiamo di seguito l'estratto dell'articolo 7 Dlgs 196/2003, per ricordarLe che puó esercitare nei nostri confronti i seguenti diritti: a. ottenere la conferma dell'esistenza di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile b. ottenere l'indicazione dell'origine dei dati personali, nonchè delle finalità e delle modalità del trattamento c. ottenere l'indicazione della logica applicata nei trattamenti effettuati con l'ausilio di strumenti elettronici d. ottenere l'indicazione degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili e. ottenere l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati f. ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati g. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge h. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati di cui non è necessaria la conservazione, in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati i. ottenere l'attestazione che l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco sono stati portati a conoscenza, anche per quanto riguarda il contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, tranne che nei casi in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato j. opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta k. opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 10. Per esercitare tali diritti puó rivolgersi al titolare del trattamento. Il responsabile del trattamento medesimo è il Sig. Le Plume domiciliato presso Via Foscolo, 58 09128 Cagliari (CA). Cookie Cos’è un cookie? Un cookie è un piccolo frammento di dati che un sito web deposita nel browser del tuo computer o del tuo dispositivo mobile. Perché si utilizzano i cookie? Le pagine web non hanno memoria. Se navighi da una pagina all'altra all'interno di un sito web, non sarai riconosciuto come lo stesso utente in ciascuna delle pagine. I cookie ti consentono di essere riconosciuto dal sito web come utente unico. I cookie permettono anche di memorizzare le tue scelte, per esempio la lingua che preferisci, la valuta che hai impostato e i criteri di ricerca. I cookie ti consentono anche di essere riconosciuto alla tua visita successiva. I cookie sono tutti uguali? No, esistono vari tipi di cookie e diversi modi di utilizzarli. I cookie si distinguono in base alla funzione svolta, alla loro durata e a chi li ha inseriti in un sito web. Come vengono utilizzati i cookie? Il nostro sito utilizza i seguenti tipi di cookie: • Cookie tecnici: Vogliamo offrire ai nostri visitatori un sito all’avanguardia e di facile utilizzo. Per fare in modo che questo accada, utilizziamo i cookie tecnici per consentirti di visualizzare il nostro sito web e di farlo funzionare correttamente. I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sito. • Cookie funzionali: Utilizziamo i cookie funzionali per ricordare le tue preferenze e per aiutarti a usare il nostro sito web in modo efficace ed efficiente, per esempio memorizzando le pagine e le eventuali offerte che hai visualizzato in precedenza. I cookie funzionali non sono indispensabili per il funzionamento del sito web, ma aggiungono funzionalità e migliorano la tua esperienza complessiva, permettendoti ad esempio di usufruire delle migliori offerte. • Cookie analitici: Utilizziamo i cookie analitici per capire meglio come i nostri visitatori usano il sito web, per capire cosa funziona o cosa no, per ottimizzare e migliorare il sito e per assicurarci che il sito sia sempre interessante e rilevante. I dati che ricaviamo includono le pagine web visitate, le pagine di uscita e di ingresso, il tipo di piattaforma, informazioni su data e ora e dati come il numero di click su una determinata pagina, le parole cercate e i testi inseriti durante l'utilizzo del sito. Anche i nostri partner commerciali potrebbero utilizzare cookie analitici per sapere se i loro utenti fanno uso delle offerte integrate nei loro siti. Per quanto tempo restano attivi i cookie? I cookie impostati direttamente dal nostro sito hanno una durata di 3 settimane. In qualsiasi momento puoi cancellare tutti i cookie dal browser. Per rimuovere i cookie dal tuo browser, segui le istruzioni riportate a questo indirizzo https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it Come puoi riconoscere i nostri cookie ? Puoi trovare i nostri cookie tra le impostazioni del tuo browser. Sono inclusi i cookie analitici e di marketing di terze parti? Sì, il nostro sito incorpora diversi cookie di terze parti rilasciati da widget che sono inclusi nel sito. Questi cookie vengono utilizzati a fini statistici e permettono una migliore esperienza ed integrazione con questi servizi terzi (Google Analytics, TripAdvisor, i principali social networks, etc…). In particolare, per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina del Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics. Come puoi modificare le preferenze relative ai cookie? Dalle impostazioni del tuo browser (per esempio Internet Explorer, Safari, Firefox o Chrome) potrai stabilire quali sono i cookie che desideri ricevere e quali no. Per sapere dove puoi trovare queste impostazioni, che possono variare a seconda del browser utilizzato, usa la funzione “Help” o Aiuto” del tuo browser. Se decidi di non accettare determinati cookie, potresti non essere in grado di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito. In ogni caso, la funzione “Do Not Track” offerta da alcuni browser (denominata “Non tenere traccia”, “Non effettuare alcun tracciamento” o altro a seconda del tipo di browser) potrebbe non funzionare sul nostro sito.

Close