fbpx

La stanchezza è una bambina che ancora mi dorme addosso con i pugni chiusi e il respiro denso.

Venerdì’ mattina mi sono svegliata stanca. Era da un po’ che non succedeva. Per lo meno da quando la vita scorreva tranquilla. Da quando ancora non c’era il coronavirus. Mi sono portata dietro questo stato fisico e mentale per tutto il weekend, trascinandomi dietro un milione di cose da fare a casa e altrettante dalla mia agenda in cui segno ogni piccolo dettaglio del mio lavoro.

No, il mio umore non è cambiato da quando ho scritto, qualche giorno fa, le mie sensazioni su questa vita di quarantena. Sono ancora consapevole di essere felice e fortunata e di dovermi concentrare sulla bellezza delle piccole cose, come l’ ho definita.

Sono stanca, però. E questo è un dato inconfutabile, che non posso non considerare. Anche perché è una sensazione che non può rimanere confinata tra i miei pensieri. Esce fuori. Nelle occhiaie, in una risposta data male, nel mal di testa e in un sorriso che fa fatica a disegnarsi sul mio viso.

Per chi mi conoscesse poco, faccio un piccolo recap. Quando ancora studiavo mai avrei pensato di lavorare per conto mio. Anzi, il mio obiettivo era tutto il contrario. Occupare una scrivania in azienda, scrivere al computer e attendere la pausa caffè con il collega di turno. Qualcosa poi è cambiato. Colpa, forse, delle caratteristiche del mio segno zodiacale, i gemelli, che mi portano ad annoiarmi spesso e ad aver bisogno di stimoli e realtà sempre nuove. Vattelappésca. Quella mia ansia ed inquietudine si sono trasformate nel non voler più né un’azienda né una stabilità professionale. Ed eccomi qui, dopo quattro anni di vita da freelance, che negli anni si è evoluto, ma è pur sempre quello che rimango: una freelance.

E una freelance, tendenzialmente, lavora da casa. Ecco, io pratico lo smart working da molto prima che fosse inserito in un decreto legge come obbligatorio o fortemente consigliato. E capisco lo smarrimento della maggior parte delle persone, quando improvvisamente si sono trovate a lavorare tra le quattro mura di casa, in quell’incrocio compreso tra il corridoio in fondo a destra della cucina e quegli altri individui, chiamati familiari, che gironzolano per le stanze e chiedono attenzioni. Ci si sente disorientati, confusi, coi sensi di colpa, sopraffatti. E stanchi.

Forse è una questione semplicemente di abitudine. Di farci il callo, come si dice. O forse è una questione di attitudine. C’è chi è portato per lavorare da casa e chi invece non lo è. In fondo non siamo fatti tutti nello stesso modo. Per quanto mi riguarda, credo che mi renda felice. Sono una che scrive a voce alta, che ha bisogno dei suoi tempi e di stare da sola. Lavorare da casa mi aiuta. Nonostante tutto.

Li ricordo bene quei primi giorni. “Giulia, ti ricordi di fare quella cosa? Giulia, vai a fare la spesa? Giulia, puoi chiamare Tizio?” La mia vita era diventata un alternarsi di aree di lavoro che si intersecavano inesorabilmente con quelle private. Io ero quella che stava a casa e l’equazione è semplice da risolvere: lavorare da casa fa rima con avere più tempo a disposizione. Per sé e per la famiglia.

Nella realtà, quella vera e quotidiana, le cose non stanno esattamente in questa maniera. Innanzitutto perché, di solito, chi fa smart working è un libero professionista, un freelance, per restare ancorati ai termini inglesi. E per un freelance la sua piccola attività ha tutte le caratteristiche di una vera e propria azienda, in cui si è al contempo amministratori, impiegati, contabili, creativi e anche addetti alle pulizie. Ma anche se così non fosse, come ad esempio la situazione che stanno vivendo in molti in questi giorni, lavorare da casa non significa avere più tempo a disposizione. Significa, anzi, perdere la dimensione e i confini naturali tra vita privata e lavorativa.

E spesso ci si ritrova a provare maggior fatica. Perché si sta maggiormente davanti al computer, si controllano di più le mail e quel lavoro che si sta facendo in team con i colleghi, magari con un bimbo attaccato al collo. E ci si dedica anche di più alla casa. In fondo, cosa ci costa? Il nostro ufficio è accanto al salotto, possiamo trovare qualche secondo per sistemare i giochi lasciati in giro.

Certo, questo è il lato negativo e pessimista di tutta la situazione. Lavorare da casa ha i suoi lati positivi e anche alcuni privilegi. Se così non fosse, io, ad esempio, non avrei sicuramente scelto questa strada.

Ma, c’è un ma. Qualche giorno fa ho dato un’occhiata ad una ricerca, che aveva come oggetto proprio il lavorare da casa. Lo smart working, o come è stato definito in alcuni casi l’extreme working. Questa ricerca ha un titolo ovvio, #IOLAVORODACASA, ed è stata condotta da Valore D, un’associazione che studia le realtà virtuose in Italia e che cerca di migliorare la vita di impresa.

Quel che è uscito fuori non mi ha sorpreso molto. L’analisi, infatti, ha fotografato un’istantanea in cui “1 donna su 3 lavora più di prima e non riesce, o fa fatica, a mantenere un equilibrio tra il lavoro e la vita domestica”. Per gli uomini il rapporto è di 1 su 5. Un po’ sbilanciato questo risultato. Dovei rimanere sbalordita dalla constatazione? Non lo sono purtroppo, perché in Italia vige un’amara regola, che vede le donne sempre impegnate in prima fila nella gestione familiare, della casa e dei figli. E, in questo periodo, questa regola diventa ancora più rigorosa ed essenziale, essendo confinati dentro le pareti domestiche.

Di chi è la colpa? Nostra? Forse. Della società? Forse. Degli uomini? Forse. In realtà credo sia un connubio di cose, di stati d’essere e situazioni. Non voglio colpevolizzare la mia categoria, ma mi rendo conto che spesso sono la prima a dire “faccio io, non ti preoccupare che ci metto meno”. Io soffro di quella sindrome da salvatrice del mondo, faccio fatica a delegare e, spesso, penso di fare le cose meglio degli altri… Anche lavare il bagno. Spero non siate tutte così, come me.

Quel che resterà, di questa pandemia e di questo lockdown, è un grosso senso di cambiamento. Dovremmo sfruttare queste settimane per cambiare un po’ le cose e disegnarle come vorremmo che fossero. La strada è ancora lunga e tortuosa e detto da una che trova conforto nel lavoro e riesce a sedersi e rilassarsi solo arrivati alle nove di sera, lo so, non sembra avere un gran fondamento. Ma in qualche modo bisogna provarci. Per trasformare il lavorare da casa in quel qualcosa di bello, che può renderci felici.

Giulia

Scrivo da quando ne ho memoria. Mi piace raccontare la vita. Lo faccio qui nel mio blog e anche altrove. Quando non sono alle prese con la parola scritta, parlo in radio e mi occupo di cibo in tv. E anche lì c'è molto di me. Nel tempo libero? Ballo, curo le mie piante e cucino una quantità indescrivibile di piatti.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Le Plume utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

Privacy 196/2003 Informativa sulla Privacy: Oggetto: Informativa sul trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs 196/2003, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, e richiesta del Suo consenso al trattamento di taluni dati. 1. Il Dlgs 196/2003 ha introdotto il codice in materia di protezione dei dati personali. In ottemperanza a quanto previsto da tale codice, il trattamento dei dati personali da parte della nostra organizzazione è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dei soggetti cui i dati si riferiscono. 2. In tale ambito, Le forniamo l'informativa prevista dall'articolo 13 Dlgs 196/2003 e Le chiediamo di esprimere il suo consenso per il trattamento dei dati personali in seguito specificati per le seguenti finalità: a. gestire la sua richiesta di informazioni e/o prenotazione al fine di fornirle le indicazioni a riguardo 3. Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di fornirLe i servizi richiesti. 4. Nel caso in cui abbia espresso il consenso e fino alla revoca dello stesso, i Suoi dati personali forniti saranno altresè trattati per le seguenti ulteriori finalità: a. elaborare studi e ricerche statistiche e di mercato; b. inviare tramite posta, posta elettronica e/o canali telefonici, materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali; c. compiere attività dirette ed indirette di vendita e di collocamento; d. effettuare comunicazioni commerciali interattive; e. effettuare rilevazioni del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi forniti (anche attraverso soggetti terzi). Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il responsabile indicato al punto 10. Il consenso per i trattamenti e le finalità di cui al presente punto 4 non è obbligatorio; a seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno trattati per le sole finalità indicate al precedente punto 2. 5. In qualità di clienti o potenziali clienti, i dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune, poichè consistono essenzialmente in elementi di identificazione personale. Nel caso in cui Lei dovesse indicare nei campi che non prevedono una specifica indicazione dati che, ai sensi dell'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003, sono di natura sensibile ed in quanto tali meritevoli di tutele particolari, La informiamo che tali dati saranno da noi trattati nei limiti previsti dal codice della Privacy. Ricordiamo che in generale, l'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003 definisce come "dati sensibili" i dati personali "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale". 6. Il trattamento di dati raccolti sarà effettuato mediante strumenti cartacei e/o elettronici e comunque in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 7. Precisiamo che la nostra organizzazione pone in atto le necessarie misure di carattere organizzativo, fisico e logico, atte a garantire la sicurezza dei dati, con particolare riferimento a quanto previsto dall'allegato B del Dpr 196/2003 Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. 8. Oltre che dai dipendenti della Società, alcuni trattamenti dei Suoi dati personali potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all'estero, ai quali la nostra organizzazione affida talune attività (o parte di esse) funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. In tal caso gli stessi soggetti opereranno in qualità di Titolari autonomi o saranno designati come Responsabili o Incaricati del trattamento. I Responsabili e gli Incaricati eventualmente designati riceveranno adeguate istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati. I soggetti terzi sopra citati sono essenzialmente ricompresi nelle seguenti categorie: Società di recupero credito, Società che elaborano dati di traffico per la fatturazione, Società incaricate per la stampa e la spedizione delle fatture ai clienti, Società di Consulenza, Società cessionarie dei crediti, Agenti e Procacciatori, Franchisee, Fornitori di servizi tecnologici, Content Provider. 9. Riportiamo di seguito l'estratto dell'articolo 7 Dlgs 196/2003, per ricordarLe che puó esercitare nei nostri confronti i seguenti diritti: a. ottenere la conferma dell'esistenza di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile b. ottenere l'indicazione dell'origine dei dati personali, nonchè delle finalità e delle modalità del trattamento c. ottenere l'indicazione della logica applicata nei trattamenti effettuati con l'ausilio di strumenti elettronici d. ottenere l'indicazione degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili e. ottenere l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati f. ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati g. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge h. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati di cui non è necessaria la conservazione, in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati i. ottenere l'attestazione che l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco sono stati portati a conoscenza, anche per quanto riguarda il contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, tranne che nei casi in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato j. opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta k. opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 10. Per esercitare tali diritti puó rivolgersi al titolare del trattamento. Il responsabile del trattamento medesimo è il Sig. Le Plume domiciliato presso Via Foscolo, 58 09128 Cagliari (CA). Cookie Cos’è un cookie? Un cookie è un piccolo frammento di dati che un sito web deposita nel browser del tuo computer o del tuo dispositivo mobile. Perché si utilizzano i cookie? Le pagine web non hanno memoria. Se navighi da una pagina all'altra all'interno di un sito web, non sarai riconosciuto come lo stesso utente in ciascuna delle pagine. I cookie ti consentono di essere riconosciuto dal sito web come utente unico. I cookie permettono anche di memorizzare le tue scelte, per esempio la lingua che preferisci, la valuta che hai impostato e i criteri di ricerca. I cookie ti consentono anche di essere riconosciuto alla tua visita successiva. I cookie sono tutti uguali? No, esistono vari tipi di cookie e diversi modi di utilizzarli. I cookie si distinguono in base alla funzione svolta, alla loro durata e a chi li ha inseriti in un sito web. Come vengono utilizzati i cookie? Il nostro sito utilizza i seguenti tipi di cookie: • Cookie tecnici: Vogliamo offrire ai nostri visitatori un sito all’avanguardia e di facile utilizzo. Per fare in modo che questo accada, utilizziamo i cookie tecnici per consentirti di visualizzare il nostro sito web e di farlo funzionare correttamente. I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sito. • Cookie funzionali: Utilizziamo i cookie funzionali per ricordare le tue preferenze e per aiutarti a usare il nostro sito web in modo efficace ed efficiente, per esempio memorizzando le pagine e le eventuali offerte che hai visualizzato in precedenza. I cookie funzionali non sono indispensabili per il funzionamento del sito web, ma aggiungono funzionalità e migliorano la tua esperienza complessiva, permettendoti ad esempio di usufruire delle migliori offerte. • Cookie analitici: Utilizziamo i cookie analitici per capire meglio come i nostri visitatori usano il sito web, per capire cosa funziona o cosa no, per ottimizzare e migliorare il sito e per assicurarci che il sito sia sempre interessante e rilevante. I dati che ricaviamo includono le pagine web visitate, le pagine di uscita e di ingresso, il tipo di piattaforma, informazioni su data e ora e dati come il numero di click su una determinata pagina, le parole cercate e i testi inseriti durante l'utilizzo del sito. Anche i nostri partner commerciali potrebbero utilizzare cookie analitici per sapere se i loro utenti fanno uso delle offerte integrate nei loro siti. Per quanto tempo restano attivi i cookie? I cookie impostati direttamente dal nostro sito hanno una durata di 3 settimane. In qualsiasi momento puoi cancellare tutti i cookie dal browser. Per rimuovere i cookie dal tuo browser, segui le istruzioni riportate a questo indirizzo https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it Come puoi riconoscere i nostri cookie ? Puoi trovare i nostri cookie tra le impostazioni del tuo browser. Sono inclusi i cookie analitici e di marketing di terze parti? Sì, il nostro sito incorpora diversi cookie di terze parti rilasciati da widget che sono inclusi nel sito. Questi cookie vengono utilizzati a fini statistici e permettono una migliore esperienza ed integrazione con questi servizi terzi (Google Analytics, TripAdvisor, i principali social networks, etc…). In particolare, per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina del Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics. Come puoi modificare le preferenze relative ai cookie? Dalle impostazioni del tuo browser (per esempio Internet Explorer, Safari, Firefox o Chrome) potrai stabilire quali sono i cookie che desideri ricevere e quali no. Per sapere dove puoi trovare queste impostazioni, che possono variare a seconda del browser utilizzato, usa la funzione “Help” o Aiuto” del tuo browser. Se decidi di non accettare determinati cookie, potresti non essere in grado di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito. In ogni caso, la funzione “Do Not Track” offerta da alcuni browser (denominata “Non tenere traccia”, “Non effettuare alcun tracciamento” o altro a seconda del tipo di browser) potrebbe non funzionare sul nostro sito.

Close