fbpx

“Come tutte le migliori famiglie, abbiamo la nostra quota di eccentricità, di giovani impetuosi e capricciosi e di disaccordi familiari.”

Avvertenza: questo post potrebbe contenere “spoiler” o contenuti altamente sconsigliati a chi vuole rimanere in un ambito politicamente corretto.

Io vi ho avvertito. Ma se volete sapere cosa ho pensato di The Crown andate pure avanti nella lettura.

Ora, partiamo da un presupposto. Io sono quella che arriva quasi sempre tardi su tutto. Non sopporto il clamore mediatico che di solito sta dietro le cose. Che sia l’apertura di un nuovo ristorante o una nuova serie su Netflix poco importa. Io mi butto nella mischia dopo che quel clamore è cessato. L’ho fatto anche con The Crown, che non ha mai suscitato in me nessun tipo di curiosità. Fino a quando le serie da vedere su Netflix hanno cominciato a scarseggiare e allora ho ceduto.

Di The Crown sapevo, in verità, molto poco. Se non che la Famiglia Reale si fosse un pelino scomposta per alcune scene dell’ultima stagione, la quarta. E le mie scarse conoscenze erano dovute solo al fatto che, lavorando in radio, devo in qualche modo tenermi al passo coi tempi sugli argomenti più disparati.

A me la Famiglia Reale, però, è sempre stata simpatica. Con alti e bassi, come per tutti. Con la compassione provata per la povera Diana di Inghilterra, di cui, credetemi o no, ho visto la dipartita in sogno proprio mentre lei stava avendo quel maledetto incidente fatale. Con gli occhi puntati sulla tv durante gli ultimi matrimoni. E i gossip e le liti dei giovani rampolli. Un interesse vago, come chiunque insomma. Il resto lo ha fatto la mia passione per la storia. Quindi ecco come mi sono trovata sul divano ad essere fagocitata da ogni istante di questa serie.

The Crown è composto di quattro stagioni. Per ora. Le prime due sono un qualcosa di spettacolare. Lei, Elisabetta, non è ancora salita al ruolo di Regina. Ed è forse questa la parte più affascinante di tutte. Perché, scena dopo scena, si intravede in modo forte il cambiamento di una donna, giovanissima, che si ritrova improvvisamente a cambiare vita, senza essere ancora in grado di farlo. È bellissima, Elisabetta. O meglio Claire Foy, l’attrice che la interpreta. Forse anche troppo bella per incarnare il volto della Regina, ma con una serie di movenze che anticipano il personaggio che è destinato a diventare. Prima timida, insicura di sé e poco all’altezza del ruolo, lasciatemelo dire. Per poi lasciare spazio ad una sorta di ostentazione dell’essere al di sopra di tutto e tutti.

Al suo fianco un Filippo stronzo, donnaiolo, insensibile e poco incline ad inchinarsi a Sua Maestà. L’ho odiato, Filippo, nelle prime due stagioni. Ma poi ne ho capito l’anima.

Insomma, le prime due stagioni mi hanno conquistato. Il tracollo l’ho avuto all’inizio della terza. Mi avevano avvertito. Ero conscia di quello che stava per accadere, ma non ero pronta. La scelta stilistica del regista Peter Morgan è stata quella di cambiare gli attori. L’ha fatto per una questione anagrafica e di attinenza con i personaggi, che sennò a suo dire sarebbero stati poco credibili. E non che gli attori che sono venuti dopo avessero qualcosa in meno dei primi. Anzi, sono stati tutti molto più bravi e densi di verità storica. Ma, sapete come vanno queste cose. Si accende la tv, si comincia a guardare una serie, ad appassionarsi al racconto e ad amare quei personaggi. Il cambio volto è un tradimento che non si perdona, almeno per me.

C’è anche da dire che, tra una stagione e l’altra, la Regina Elisabetta ha più o meno 38 – 39 anni. Io continuavo a fissare il volto di un’Olivia Colman invecchiata dal trucco e non capivo. Vero è che all’epoca sembravano tutti vecchi dell’età che in realtà avevano, ma questo cambio di rotta mi ha lasciato perplessa, tanto da farmi addormentare per quasi tutta la terza stagione. Una storia senza ritmo, lenta e noiosa. Non c’è stato giorno che non crollassi sul divano, per poi risvegliarmi giusto l’attimo prima di continuare la mia notte nel letto.

Si sono ripresi sulla quarta, quelli di The Crown. Con l’ingresso di Diana e con il fatto, forse, che ormai mi ero abituata alle nuove facce di tutti i personaggi. Detto questo, non sto qui a sindacare sulla scenografia, sui dettagli o sulla bravura dei vari attori, che, a mio parere, hanno interpretato tutti i vari ruoli in modo magistrale. A me The Crown, con tutti i limiti spiegati sopra, è piaciuto. E parecchio.

Ma quello che, più di tutto mi ha lasciato è stato una nuova impressione sulla Famiglia Reale. O meglio, li ho guardati con occhi diversi. È come se, in questi miei quarant’anni di vita, io avessi avuto di fronte una storia, con principi, regine e principesse, a cui assistevo con una sorta di velo davanti. Un velo che The Crown mi ha tolto, permettendomi di andare oltre.

Non so se lo spessore psicologico dei vari personaggi coinvolti sia davvero quello rappresentato nella serie. Mi tengo il beneficio del dubbio, con la consapevolezza che dietro questo lavoro televisivo ci sia stata molta ricerca e attinenza alle fonti.

Su Filippo mi sono già espressa. Parecchio stronzo all’inizio, ma con un suo perché. Lo scettro della cattiveria va comunque a lei, la Regina Elisabetta. Devo dire che in generale l’ho sempre ammirata parecchio, con questo trono infinito e lei che riesce all’età di 94 anni a fare cose che a me ammazzerebbero senza dubbio. Ma, andando a guardare oltre, si sta di fronte ad una donna che, a causa della sua famiglia, non ha mai ricevuto un’istruzione, se non quella che si confà ad una futura regina. Una donna estremamente fragile, che ha combattuto quella sua fragilità diventando dura e insensibile come una pietra. A discapito dei suoi affetti e delle persone che le stavano intorno. Prima tra tutte, la principessa Margaret, sua sorella, costretta ad una vita infelice proprio per colpa del trono e del regno inglese. Un personaggio che, nella vita reale, non mi ha mai provocato nessun interesse, ma per cui ora nutro una simpatia immensa. Margaret è morta a 70 anni, dopo l’ennesimo ictus dovuto ad una vita di mille bicchieri alcolici e tre pacchetti di sigarette al giorno. La principessa irrequieta, la chiamavano. Per me una principessa triste a cui la Regina diceva sempre di no. Che fosse il matrimonio con l’uomo che amava o le sue richieste di prendere più responsabilità in famiglia poco importa. La Regina a Margaret diceva sempre e solo no. Le cause della sua morte sono state fisiche, certo, ma quelle della sua infelicità sicuramente sono da attribuire a ben altro.

Una famiglia strana, quella inglese. Condannata ad un finto star bene. Prendete infatti Carlo. Il povero Carlo. Un bambino un po’ bullizzato a scuola, senza la forza caratteriale del padre, lasciato un po’ in disparte dai genitori (Anna era la preferita di Filippo e Andrea quello di Elisabetta). Carlo si innamora di un’indipendente e spiritosa Camilla, interpretata magistralmente da Emerald Fennell. E di nuovo è lei a dire no. Quel matrimonio non s’ha da fare.

Io, come tutti, ho sempre trovato Camilla un essere odioso. Aveva tolto l’amore ad una delle principesse più belle e buone della storia, Diana, che, se anche Elton John amava, allora non poteva che essere così. Beh, ho cambiato idea. Quel che mi è svelato di fronte agli occhi guardando The Crown è il volto di una Diana dal fare bambinesco, curiosa, superficiale e un po’ sciocca, che aveva il sogno di diventare una principessa. Come nelle favole.

Passatemi una piccola analisi psicologica. Diana era anoressica. Penso di potermi esprimere senza finire sotto processo, in quanto anche io ho un passato di anoressia e so bene come funzionano certi meccanismi mentali. Diana si nutriva di popolarità, di quel suo essere amata e al centro dell’attenzione, di quel suo lieto fine immaginato, di quel “e vissero tutti felici e contenti” che si era pregustata quando Carlo le aveva chiesto di sposarla. Ma Diana sapeva che era tutto una finzione. E in quelle due dita in gola, che si vedono spesso nella serie e che sono state motivo di sgomento e rabbia per la Famiglia Reale, si vede tutta la voglia che Diana stessa aveva di vomitare quella finzione.

Ho sempre pensato che Diana fosse una vittima. Con il senno di poi credo che le vittime fossero tre, Diana, Carlo e Camilla. E che Diana ci si sia infilata in mezzo a questo disastro con la troppa leggerezza che si ha a vent’anni. E Diana no, non amava Carlo, ma la vita che pensava facessero le principesse. Ci sono troppe colpe in questa storia e sono tutte scolpite con lo scalpello sul trono reale. Certo, Carlo non era uno stinco di santo… Ma provateci voi con una famiglia alle calcagna, che vi impone come comportarvi, chi amare e cosa mangiare in ogni istante della vostra vita!

Ora aspetto il seguito di The Crown, pronta ormai a farmi opinioni diverse e nette anche sugli altri membri della Famiglia Reale. E sono sicura che ce ne saranno delle belle. Perché se The Crown ha avuto il potere anche di farmi stare simpatica la Lady di Ferro e di intravederne la sua umanità, allora sono certa che ci sarà un nuovo giro di carte. Con la speranza che almeno il piccolo Baby George rimanga quell’esserino adorabile, birbante e dissacratamente ironico.

Giulia

Scrivo da quando ne ho memoria. Mi piace raccontare la vita. Lo faccio qui nel mio blog e anche altrove. Quando non sono alle prese con la parola scritta, parlo in radio e mi occupo di cibo in tv. E anche lì c'è molto di me. Nel tempo libero? Ballo, curo le mie piante e cucino una quantità indescrivibile di piatti.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Le Plume utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scopri di più

Privacy 196/2003 Informativa sulla Privacy: Oggetto: Informativa sul trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs 196/2003, recante il codice in materia di protezione dei dati personali, e richiesta del Suo consenso al trattamento di taluni dati. 1. Il Dlgs 196/2003 ha introdotto il codice in materia di protezione dei dati personali. In ottemperanza a quanto previsto da tale codice, il trattamento dei dati personali da parte della nostra organizzazione è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti dei soggetti cui i dati si riferiscono. 2. In tale ambito, Le forniamo l'informativa prevista dall'articolo 13 Dlgs 196/2003 e Le chiediamo di esprimere il suo consenso per il trattamento dei dati personali in seguito specificati per le seguenti finalità: a. gestire la sua richiesta di informazioni e/o prenotazione al fine di fornirle le indicazioni a riguardo 3. Il conferimento dei Suoi dati è obbligatorio per il conseguimento delle finalità di cui sopra; il loro mancato, parziale o inesatto conferimento potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di fornirLe i servizi richiesti. 4. Nel caso in cui abbia espresso il consenso e fino alla revoca dello stesso, i Suoi dati personali forniti saranno altresè trattati per le seguenti ulteriori finalità: a. elaborare studi e ricerche statistiche e di mercato; b. inviare tramite posta, posta elettronica e/o canali telefonici, materiale pubblicitario, informativo e informazioni commerciali; c. compiere attività dirette ed indirette di vendita e di collocamento; d. effettuare comunicazioni commerciali interattive; e. effettuare rilevazioni del grado di soddisfazione della clientela sulla qualità dei servizi forniti (anche attraverso soggetti terzi). Lei potrà revocare il consenso fornito per tali finalità in qualsiasi momento contattando il responsabile indicato al punto 10. Il consenso per i trattamenti e le finalità di cui al presente punto 4 non è obbligatorio; a seguito di un eventuale diniego i Suoi dati saranno trattati per le sole finalità indicate al precedente punto 2. 5. In qualità di clienti o potenziali clienti, i dati oggetto di trattamento sono generalmente di natura comune, poichè consistono essenzialmente in elementi di identificazione personale. Nel caso in cui Lei dovesse indicare nei campi che non prevedono una specifica indicazione dati che, ai sensi dell'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003, sono di natura sensibile ed in quanto tali meritevoli di tutele particolari, La informiamo che tali dati saranno da noi trattati nei limiti previsti dal codice della Privacy. Ricordiamo che in generale, l'articolo 4 lettera d) Dlgs 196/2003 definisce come "dati sensibili" i dati personali "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale". 6. Il trattamento di dati raccolti sarà effettuato mediante strumenti cartacei e/o elettronici e comunque in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia. 7. Precisiamo che la nostra organizzazione pone in atto le necessarie misure di carattere organizzativo, fisico e logico, atte a garantire la sicurezza dei dati, con particolare riferimento a quanto previsto dall'allegato B del Dpr 196/2003 Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. 8. Oltre che dai dipendenti della Società, alcuni trattamenti dei Suoi dati personali potranno essere effettuati anche da soggetti terzi, con sede in Italia e/o all'estero, ai quali la nostra organizzazione affida talune attività (o parte di esse) funzionali alla fornitura dei servizi sopra citati. In tal caso gli stessi soggetti opereranno in qualità di Titolari autonomi o saranno designati come Responsabili o Incaricati del trattamento. I Responsabili e gli Incaricati eventualmente designati riceveranno adeguate istruzioni operative, con particolare riferimento all'adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati. I soggetti terzi sopra citati sono essenzialmente ricompresi nelle seguenti categorie: Società di recupero credito, Società che elaborano dati di traffico per la fatturazione, Società incaricate per la stampa e la spedizione delle fatture ai clienti, Società di Consulenza, Società cessionarie dei crediti, Agenti e Procacciatori, Franchisee, Fornitori di servizi tecnologici, Content Provider. 9. Riportiamo di seguito l'estratto dell'articolo 7 Dlgs 196/2003, per ricordarLe che puó esercitare nei nostri confronti i seguenti diritti: a. ottenere la conferma dell'esistenza di dati personali che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile b. ottenere l'indicazione dell'origine dei dati personali, nonchè delle finalità e delle modalità del trattamento c. ottenere l'indicazione della logica applicata nei trattamenti effettuati con l'ausilio di strumenti elettronici d. ottenere l'indicazione degli estremi identificativi del titolare e dei responsabili e. ottenere l'indicazione dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati f. ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati g. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge h. ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati di cui non è necessaria la conservazione, in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati i. ottenere l'attestazione che l'aggiornamento, la rettificazione, l'integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco sono stati portati a conoscenza, anche per quanto riguarda il contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, tranne che nei casi in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato j. opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che La riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta k. opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che La riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. 10. Per esercitare tali diritti puó rivolgersi al titolare del trattamento. Il responsabile del trattamento medesimo è il Sig. Le Plume domiciliato presso Via Foscolo, 58 09128 Cagliari (CA). Cookie Cos’è un cookie? Un cookie è un piccolo frammento di dati che un sito web deposita nel browser del tuo computer o del tuo dispositivo mobile. Perché si utilizzano i cookie? Le pagine web non hanno memoria. Se navighi da una pagina all'altra all'interno di un sito web, non sarai riconosciuto come lo stesso utente in ciascuna delle pagine. I cookie ti consentono di essere riconosciuto dal sito web come utente unico. I cookie permettono anche di memorizzare le tue scelte, per esempio la lingua che preferisci, la valuta che hai impostato e i criteri di ricerca. I cookie ti consentono anche di essere riconosciuto alla tua visita successiva. I cookie sono tutti uguali? No, esistono vari tipi di cookie e diversi modi di utilizzarli. I cookie si distinguono in base alla funzione svolta, alla loro durata e a chi li ha inseriti in un sito web. Come vengono utilizzati i cookie? Il nostro sito utilizza i seguenti tipi di cookie: • Cookie tecnici: Vogliamo offrire ai nostri visitatori un sito all’avanguardia e di facile utilizzo. Per fare in modo che questo accada, utilizziamo i cookie tecnici per consentirti di visualizzare il nostro sito web e di farlo funzionare correttamente. I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sito. • Cookie funzionali: Utilizziamo i cookie funzionali per ricordare le tue preferenze e per aiutarti a usare il nostro sito web in modo efficace ed efficiente, per esempio memorizzando le pagine e le eventuali offerte che hai visualizzato in precedenza. I cookie funzionali non sono indispensabili per il funzionamento del sito web, ma aggiungono funzionalità e migliorano la tua esperienza complessiva, permettendoti ad esempio di usufruire delle migliori offerte. • Cookie analitici: Utilizziamo i cookie analitici per capire meglio come i nostri visitatori usano il sito web, per capire cosa funziona o cosa no, per ottimizzare e migliorare il sito e per assicurarci che il sito sia sempre interessante e rilevante. I dati che ricaviamo includono le pagine web visitate, le pagine di uscita e di ingresso, il tipo di piattaforma, informazioni su data e ora e dati come il numero di click su una determinata pagina, le parole cercate e i testi inseriti durante l'utilizzo del sito. Anche i nostri partner commerciali potrebbero utilizzare cookie analitici per sapere se i loro utenti fanno uso delle offerte integrate nei loro siti. Per quanto tempo restano attivi i cookie? I cookie impostati direttamente dal nostro sito hanno una durata di 3 settimane. In qualsiasi momento puoi cancellare tutti i cookie dal browser. Per rimuovere i cookie dal tuo browser, segui le istruzioni riportate a questo indirizzo https://support.google.com/accounts/answer/32050?hl=it Come puoi riconoscere i nostri cookie ? Puoi trovare i nostri cookie tra le impostazioni del tuo browser. Sono inclusi i cookie analitici e di marketing di terze parti? Sì, il nostro sito incorpora diversi cookie di terze parti rilasciati da widget che sono inclusi nel sito. Questi cookie vengono utilizzati a fini statistici e permettono una migliore esperienza ed integrazione con questi servizi terzi (Google Analytics, TripAdvisor, i principali social networks, etc…). In particolare, per tenere sotto controllo la raccolta di dati ai fini di analisi effettuata da Google Analytics, visita la pagina del Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics. Come puoi modificare le preferenze relative ai cookie? Dalle impostazioni del tuo browser (per esempio Internet Explorer, Safari, Firefox o Chrome) potrai stabilire quali sono i cookie che desideri ricevere e quali no. Per sapere dove puoi trovare queste impostazioni, che possono variare a seconda del browser utilizzato, usa la funzione “Help” o Aiuto” del tuo browser. Se decidi di non accettare determinati cookie, potresti non essere in grado di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito. In ogni caso, la funzione “Do Not Track” offerta da alcuni browser (denominata “Non tenere traccia”, “Non effettuare alcun tracciamento” o altro a seconda del tipo di browser) potrebbe non funzionare sul nostro sito.

Close